Lcd, Led, Oled, Amoled, Plasma e Retina. Gli schermi dei nostri "Device"

4년 전
Il mondo degli schermi di televisori e dei nostri amati “smartphone” e computer viene riempito di sigle non più comprensibili dalla maggior parte di noi, ho deciso di produrre questo articolo con lo scopo di spiegare le maggiori differenze tra le varie tecnologie presenti sul mercato per poter così acquisire una sufficiente coscienza nella scelta del prossimo “device”.

schermi.jpg
Immagine CC0 creative commons

Iniziamo nel classificare le principali tecnologie che stanno alla base di uno schermo, soffermarci in tecnicismi ora è controproducente.

Plasma: Prima tecnologia a realizzare degli schermi piatti. Questa tecnologia oramai soppiantata dagli schermi LED ha avuto come peculiarità un’ottima resa di colori e luminosità. I contro invece sono da attribuirsi all’elevato consumo elettrico, alle ore di funzionamento limitate, all’effetto “ghosting”/Burn-in (questo spiacevole effetto deriva dalla prolungata visualizzazione fissa di un elemento come una barra, scritta o immagine che a lungo andare crea un’ombra visibile della stessa danneggiando la visualizzazione delle schermate successive)

LCD: Schermo a cristalli liquidi. Molto semplicemente questo tipo di schermo ha delle micro celle dove al suo interno sono presenti dei cristalli liquidi che, grazie ad una polarizzazione elettrica, queste si allineeranno uniformemente facendo passare la luce di retroilluminazione regolandone così la sua intensità.
I normali schermi LCD hanno una retroilluminazione generata da lampade a fluorescenza (Piccoli neon) posti sul perimetro esterno dello schermo.

I colori di un’immagine derivano da delle micro celle a base rossa, verde e blu poste una di fianco all’altra creando così l’effetto colorato della cella madre/pixel.

rgb.jpg

Immagine CC0 creative commons

LED: LCD di nuova generazione dove la retroilluminazione viene generata da diodi LED (Light Emitting Diode). I vantaggi di questa tecnologia sono molteplici tra cui spicca il risparmio energetico.
La tecnologia LED essendo in costante evoluzione racchiude diverse soluzioni per la retroilluminazione dello schermo. Le principali sono:

  • LED Edge: lo schermo viene illuminato da dei led disposti lungo il perimetro dello schermo (soluzione più economica e con una buona resa dei colori)

  • Full LED: L’illuminazione dello schermo viene eseguita mediante la disposizione dei led dietro allo schermo, questo ne garantisce una qualità dei colori superiore rispetto al led Edge ma, avendo il processo produttivo più complesso il prezzo ne va a risentire significativamente.

  • Quantum Dot: Lo schermo viene illuminato mediante dei microcristalli a luce blu. Lo scopo di questa tecnologia di illuminazione si basa sull’aumento dei colori percepiti dall’occhio andando ad ottimizzare la resa del pannello in base allo spettro dei colori dell’occhio umano. Questa tecnologia risulta molto costosa ed è tutt’ora installata in pochissimi modelli di monitor e televisori.

separatore 01.jpg

OLED (Organic Light Emitting Diode): Praticamente l’evoluzione dei LED.
Con questa tecnologia i LED che compongono lo schermo hanno la possibilità di auto illuminarsi, pertanto una peculiarità di questa tecnologia è sicuramente la resa dei neri proprio perché i LED (pixel) interessati a produrre il nero in un’immagine, non saranno illuminati ma risulteranno spenti.

Neanche terminata la grande distribuzione di questa nuova tecnologia e già si tenta un’ulteriore evoluzione della stessa.

La tecnologia QLED (Quantum Dot Light Emitting Diode).
Questa tecnologia nasce come antagonista alla OLED e promette, in un futuro prossimo, l’abbassamento dei costi di produzione e una maggiore luminosità senza perdita di contrasto rispetto all’OLED.
Gli schermi QLED infatti, sono praticamente l’unione della tecnologia Quantum Dot e dell’OLED, essa infatti, utilizza delle molecole elettroluminescenti per illuminare i LED che, essendo indipendenti tra loro, generano una diversa luminosità per ogni pixel dello schermo.
Quest'ulteriore passo in avanti nella gestione dell’illuminazione ha come scopo, l’aumento della luminosità possibile mantenendo l’indipendenza tra i pixel dello schermo.
Con questa soluzione evolutiva il contrasto dell’immagine risulta pressoché infinito grazie alla possibilità di spegnere i pixel che devono riprodurre i neri dell’immagine mentre, grazie alle molecole elettroluminescenti, la luce derivata per l’illuminazione dello schermo risulterà più vicina alla realtà di uno schermo OLED. Un’altra peculiarità di questa tecnologia è il dimezzamento dei consumi elettrici rispetto all’OLED.

Anche se la tecnologia QLED risulti migliore rispetto alla tecnologia OLED, attualmente è molto costosa e non ancora ben consolidata, pertanto non avendo prodotto una “versione definitiva” della stessa, viene utilizzata in pochi modelli di nicchia. Io personalmente punterei ancora su soluzioni sicure e testate come l’OLED.

separatore 01.jpg

Le case produttrici come Samsung, LG, Hitachi e Sony sono alla ricerca di soluzioni sempre nuove e all’avanguardia nel campo dei display e, anche se alla base, le caratteristiche tecnologiche restano immutate, ognuna si sforza nell’implementazione di uno schermo con diversi metodi costruttivi dove, tentando di esaltare alcune peculiarità, generano nel mercato molta confusione dovuta agli acronimi inventati.

Tentando di spiegare le tecnologie adottate vi elenco le principali soluzioni utilizzate per gli schermi di smartphone e tablet dalle principali case produttrici.

  • LCD TFT: Display a cristalli liquidi a matrice attiva. Questo tipo di schermo ha un processo produttivo molto economico e questa è la principale peculiarità rispetto alle tecnologie oggi presenti sul mercato. Questa soluzione viene utilizzata su device di fascia bassa per contenere i costi.
  • LCD IPS e IPS+: Questa tecnologia, nata dalla casa produttrice Hitachi si è costantemente evoluta grazie all’intervento di LG che ha portato questo tipo di schermi ad avere un ottimo angolo di visuale, un buon contrasto, pochi riflessi e una buona luminosità.
  • AMOLED e SUPER AMOLED: (active matrix organic light emitting diode) Lo schermo si differenzia da un OLED in quanto l’energia elettrica che lo illumina passa prima per dei transistor per poi raggiungere il LED interessato. Lo scopo di tutto ciò? Una resa dell’immagine più precisa e luminosa in quanto il transistor riesce a mantenere attivo il LED fino al refresh successivo.

e… Il retina di casa Apple?

Il retina è un display dove alla base della tecnologia è presente un display LCD IPS ma, essendo la fabbricazione dei LED talmente miniaturizzata, la risoluzione derivata arriva al limite della percezione dell’occhio umano pertanto, anche se in futuro questa venisse aumentata i nostri occhi non potrebbero notarne la differenza.

Ecco spiegato molto semplicisticamente le varie differenze dei principali schermi presenti sul mercato.
La tecnologia non si ferma mai e ad oggi le case produttrici, oltre che a competere sulla qualità dell’immagine stanno sperimentando svariate soluzioni per rendere gli schermi con alla base la tecnologia OLED flessibili e pieghevoli, tra non molto ci ritroveremo ad avere in tasca schermi piegabili come fogli di una rivista.

flexible.jpg

Immagine CC0 creative commons

Fonti:
Oled come funziona
Differenze Oled
Caratteristiche OLED
Led, Oled
Differenze tra display
Amoled
Differenze tra schermi

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!
STEEMKR.COM IS SPONSORED BY
ADVERTISEMENT
Sort Order:  trending

Post interessante senza ombra di dubbio visto quello che ci propina ogni giorno la scienza

·

This comment has received a 9.99 % upvote from @webdeals thanks to: @lucastar.

La tecnologia è affascinante.

Congratulations @intronitro! You have completed some achievement on Steemit and have been rewarded with new badge(s) :

Award for the number of comments
Award for the number of upvotes received

Click on any badge to view your own Board of Honor on SteemitBoard.
For more information about SteemitBoard, click here

If you no longer want to receive notifications, reply to this comment with the word STOP

By upvoting this notification, you can help all Steemit users. Learn how here!

Interessante! Poi ci sarebbe anche da parlare del contrasto e della gamma di colori che influiscono sulla qualità dell'immagine che a volte fanno la vera differenza se non si bada al risparmio energetico.

Veramente semplice da capire e ben scritto.complimenti..

·

Grazie mille

  ·  4년 전

Bella spiegazione usando parole alla portata di tutti, grazie!

·

Di niente, più che spiegare una cosa cerco sempre di riassumere il concetto per chi non è del settore. Lo trovo piu utile che stare a parlare di tecnicismi come la disposizione dei subpixel, perche il subpixel blu nella samsung è piu accentuato, dove solo e e cosa servono i filtri polarizzati ecc ecc ecc

Bell'articolo!
Mi chiedo se la nuova tecnologia "microLED" di Samsung sbancherà sul serio. O come integreranno al meglio i sensori di impronte nelle varie tecnologie di display. Ho scritto a proposito nel mio blog.

·

metti pure il link:-)

Molto interessante. Grazie della spiegazione.

·

Di niente :-)

·
·

Ora che mi viene in mente...hai visto che differenza di prezzi abbiamo oggi rispetto al passato?Io il mio gold a schermo piatto nel 2006 lo pagai ben 599€ x 32 pollici. Oggi con 599€ si compra qualcosa di decisamente superiore. ;)

·
·
·

si,si io mi sono preso un samsung da 55 a 700 euro, un anno fa, anche se lo spacciavano come smart tv monta un SO molto scarso e scarno, x disperazione l'ho collegato ad un pc. da qualche parte devono risparmiare, ma oggi le tv al prezzo che dici vendono dei capolavori, sempre escludendo il SO se si puo definire così :-)

·
·
·
·

In compenso il mio vecchio Gold di 12 anni me lo tengo come test stress dei miei lavori...se si vedono bene lì, altrove sarà una meraviglia :D

Molto utile, non ne sapevo nulla anche se uso display tutti i giorni

·

Grazie mille

Grandissimo articolo! finalmente un po di chiarezza, non si capisce mai che differenza cè tra uno o l'altro e molte volte la gente pensa che sia solo una questione di definizione, con questo articolo ci fai capire che non è solo quello! grazie della spiegazione! :)

·

Grazie mille, ho solo seguito un consiglio di un mio amico ed effettivamente dopo aver studiato un pochino ho capito pure io delle differenze che mi sfuggivano. C'è molto altro da dire ma ogni casa produttrice sviluppa una tecnologia a se per poi evolvberla in poco tempo con altri acronimi..