Un comune pezzo di ferro

4년 전
Ciao a tutti, quest’oggi vorrei portare in visione a tutti i lettori informazioni, per alcuni curiose, sul metallo comunemente detto ferro e le sue leghe derivanti.

ferro.jpg

Pochi sanno che il ferro puro, simbolo atomico “Fe” non è per niente resistente ed ha caratteristiche fisiche inutilizzabili alla creazione di utensili e componenti. Giova precisare che il ferro puro, seppur presente in natura, ha un’innata predilezione all’ossidazione ed una friabilità elevatissima, tanto da poterlo sfaldare con le mani.

ferro grezzo rid.jpg

Il metallo che noi comunemente chiamiamo ferro, presente negli oggetti di tutti i giorni, è acciaio e tecnicamente viene classificato come “acciaio dolce”.

L’acciaio, composto dalla lega ferro e carbonio, all’aumento del quantitativo del secondo materiale, diventa sempre più resistente alle sollecitazioni pertanto, quando questa lega diviene sufficientemente resistente, nel gergo comune viene indicata come acciaio.

Ecco scoperto l’arcano…

Entrando più nello specifico, il limite percentuale massimo di carbonio nella lega, per considerarlo acciaio è 2.06%.
Al superamento di questa percentuale, le caratteristiche fisiche e meccaniche variano tanto da dover identificare la lega con un altro nome.
“La Ghisa”.

Ed ecco spiegate le differenze base tra ferro, acciaio e ghisa.

Il carbonio, all’interno della lega può esistere in due forme ben distinte modificando a sua volta in base alla sua configurazione, le proprietà del metallo.

  • Se il carbonio è combinato chimicamente con il ferro (formazione di una molecola), da origine alla cementite (parte presente nella ghisa bianca).

  • Se invece, il carbonio non è combinato chimicamente con il ferro e si trova allo stato libero in forma grafitica, il metallo risultante si chiamerà in gergo ghisa grigia.


Ghisa grigia
La ghisa grigia è una lega ferrosa con al suo interno lamelle di carbonio che, interrompendo la continuità della struttura del materiale, lo rendendolo fragile alle minime sollecitazioni.
I vantaggi sulla presenza del carbonio in forma di grafite sono numerosi e pertanto ve ne cito solo i piu importanti. La temperatura di fusione viene ridotta di 300 - 400 °C rispetto ad un acciaio e la sua lavorabilità alle macchine utensili, data la presenza della grafite aumenta notevolmente in quanto funge da lubrificante solido.

Ghisa bianca
La ghisa bianca è una ghisa che solidifica nel sistema a cementite.
Essa ha un’elevata durezza data dal carbonio combinato con il ferro, un’elevatissima resistenza all’usura e all’abrasione. La sua fragilità è però molto elevata, derivandone così la scarsa lavorabilità alle macchine utensili.

Per completezza dell’articolo, anche se lo scopo dello stesso è già stato portato a compimento, desidero informarvi anche sulla presenza di alcune varianti della ghisa, le stesse vengono utilizzate moltissimo nell’uso quotidiano date le loro peculiarità intrinseche.



ferro incudine rid.jpg



Le ghise speciali

  1. La meehanite
    Una ghisa grigia di alta qualità che viene prodotta aggiungendo durante la rifusione, del siliciuro di calcio e una percentuale di lega ferro-silicio.

  2. Le ghise malleabili
    Vengono prodotte mediante il “cubilotto” (forno verticale dove il metallo viene solidificato estraendolo dall’alto).
    Esse si dividono in:
    • Ghisa malleabile europea (temprabile e saldabile),
    • Ghisa malleabile americana (temprabili ma poca saldabile),
    • Ghisa malleabile perlitica, detta così in quanto vista al microscopio presenta dei noduli di grafite circondati da aloni di ferrite.

  3. La ghisa sferoidale
    Questo tipo di ghisa speciale ha i raggruppamenti della grafite in sferoidi. Questo comporta una migliore resistenza a fenomeni di sollecitazioni dinamiche, all’usura, all’abrasione e alla corrosione.

Le ghise specificamente resistenti alla corrosione vengono ottenute aggiungendo alte percentuali di cromo, alte percentuali di nickel oppure alte percentuali di silicio. Queste componenti fanno si che la configurazione cristallina risultante diventi la più omogenea possibile al fine di ridurne i punti di aggressione da agenti corrosivi.

Dunque, alla fine di tutto


…è fatto di ferro, acciaio o ghisa? Ora saprete la risposta : - )

p.s. Le immagini sono tratte dalla sezione con diritto di utilizzo incondizionato di google immagini

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!
STEEMKR.COM IS SPONSORED BY
ADVERTISEMENT
Sort Order:  trending

IntroPedia! :) Interessante!

Forse non mi ricordero' nulla di tutto ciò domani...ma al momento mi sento un'esperta in materia! Grazie per le tante informazioni :)

·

Sono felice che ti è interessato l'articolo, sicuramente ora sarai un esperta su questo argomento. Già distinguere tra ferro acciaio e ghisa non è da tutti. Grazie ancora

Congratulations @intronitro! You have completed some achievement on Steemit and have been rewarded with new badge(s) :

Award for the number of upvotes
Award for the number of upvotes received

Click on any badge to view your own Board of Honor on SteemitBoard.
For more information about SteemitBoard, click here

If you no longer want to receive notifications, reply to this comment with the word STOP

By upvoting this notification, you can help all Steemit users. Learn how here!